ClipFilmEuropa

Associazione di informazione mediatica

TORINO JAZZ FESTIVAL 2015 28 MAGGIO – 2 GIUGNO 2015

La quarta edizione del Torino Jazz Festival (www.torinojazzfestival.it) si svolgerà dal 28 maggio al 2 giugno in concomitanza con l’Expo 2015, e festeggia – con un’Anteprimail Jazz della Liberazione, la fondamentale ricorrenza del 25 aprile per il Settantesimo.

Il TJF – che oltre a essere un festival musicale è un grande racconto sul jazz dove si incontrano musica, arte, danza, libri e tanto altro ancora – si inaugurerà il 28 maggio con il Sonic Genome del maestro Anthony Braxton che in prima europea guiderà al Museo Egizio una grandiosa performance di otto ore con 70 musicisti.

Realizzato con i main partner Intesa Sanpaolo e Iren, gli sponsor Toyota Lexus e Poste Italiane, il sostegno del Consiglio Regionale del Piemonte, con i media partner Radio Rai2 e Radio Rai 3, in collaborazione con l’olandese DJazz.tv .

“In un anno straordinario come quello che Torino è in grado di offrire ai suoi cittadini e ai tanti turisti che affollano la nostra città, non poteva mancare il Torino Jazz Festival – dichiara il Sindaco di Torino Piero Fassino . Siamo giunti alla 4^ edizione e il Festival sia per la qualità che ha saputo offrire sia la struttura che ha assunto, ha già conquistato passione e partecipazione di migliaia di persone. Sono convinto che questa edizione, collocata non a caso nel semestre dell’Expo di Milano, saprà sorprendere le tantissime persone che vorranno essere avvolte e deliziate da questa musica straordinaria in una città straordinaria”.

In questa edizione gli appuntamenti principali del main festival si svolgeranno in piazza San Carlo e quelli del Fringe ai Murazzi lungo il Po e nei locali vicini.

I concerti a pagamento (10 euro come lo scorso anno) delle ore 18 si terranno all’Auditorium Rai, al Teatro Carignano e al Teatro Colosseo. Due spettacoli musicali importanti del programma saranno organizzati all’Auditorium del nuovo grattacelo Intesa Sanpaolo realizzato da Renzo Piano; anche la Gam di Torino ospiterà un concerto in prima assoluta. Sono in calendario in altri spazi del centro incontri letterari, rassegne cinematografiche, lezioni, workshop ed eventi a tema in un programma perfettamente coordinato.

“Con Stefano Zenni e Furio Di Castri si è ormai consolidata una straordinaria collaborazione che ci aiuta a proporre questa nuova edizione del Torino Jazz Festival ancora più ricca e articolata rispetto alle precedenti – sottolinea l’Assessore alla Cultura, Turismo e Promozione della città, Maurizio Braccialarghe -. Torino rivivrà le atmosfere della cittadella del jazz con i concerti nel salotto di piazza San Carlo, la magia del Fringe lungo il Po e in piazza Vittorio e gli straordinari spettacoli nei teatri confermando la formula del festival che oltre all’importantissima offerta musicale, anche quest’anno offrirà uno sguardo sul cinema, sulla letteratura, sull’arte e sull’educational del jazz. Sono tre le novità principali di quest’anno: le produzioni originali previste con grandi artisti espressamente costruite e realizzate per il TJF; il jazz che dialogherà con alcune straordinarie novità del nostro patrimonio cittadino, ad esempio Anthony Braxton accompagnato da 70 musicisti il 28 maggio al nuovo Museo Egizio o l’iniziativa Arte alle Corti che unirà le magiche armonie di questo genere musicale e la bellezza architettonica di alcuni fra i palazzi più eleganti; il jazz entrerà in alcuni nuovi importanti luoghi di cultura della città come l’Auditorium del grattacelo Intesa Sampaolo o l’Hotel NH Collection in piazza Carlina. Mi auguro che questo festival possa offrire ai cittadini e agli ospiti torinesi un’altra importante occasione di vita collettiva e di frequentazione di nuove suggestioni culturali e che il successo di pubblico, così com’è avvenuto nelle edizioni precedenti possa consentirci di determinare le condizioni affinché questa bella avventura culturale possa proseguire nel tempo e diventare cardine ed elemento di richiamo del nostro territorio”.

Molti gli appuntamenti all’interno dell’ANTEPRIMA JAZZ FESTIVAL. Oltre al Jazz della Liberazione e ai concerti in programma per la Giornata Internazionale Unesco del Jazz ricordiamo: il 4 maggio laBiblioteca Civica Musicale Andrea Della Corte (Villa Tesoriera) ospiterà il pluripremiato pianistaGuido Manusardi che interpreterà Standard ed Evergreen della Tradizione Afro-Americana. Il 12 maggio al Circolo dei Lettori, (via Bogino 9) sarà presentata l’autobiografia di un protagonista assoluto del jazz italiano, Gaetano Liguori. Il pianista e compositore sarà intervistato da Franco Bergoglio. Il 23 maggio al Centro Giovani Factory di Nichelino si terrà Le Maleteste Sbanda, produzione originale in occasione del centenario della grande guerra e al Palazzo Santa Chiara di Chivasso il concerto di Elisabetta Antonini. Saranno in programma anche tre spettacoli musicali all’Expo 2015 di Milano: l’8 maggio Furio di Castri & Fringe All Starse il 14 Maggio Emanuele Cisi NY3 al The Waterstone by Intesa Sanpaolo; il 12 maggio Enrico Rava Meets “Soupstar” all’Auditorium.

Il Torino Jazz Festival 2015 sarà una grande rassegna che ridisegna la città – spiega il Direttore artistico del Festival, Stefano Zenni –, un’occasione unica per conoscere la sua ricchezza storica e artistica attraverso il ritmo del jazz. Ora il cuore pulsante sarà Piazza San Carlo, che risuonerà di ritmi sudafricani e cubani, battaglie di grandi trombettisti e sarà solcata, perfino dal cielo, dal travolgente happening dei giapponesi Shibusa Shirazu. Ecco, il festival sarà un grande happening, che entrerà per otto ore nel Museo Egizio con il Sonic Genome, galleggerà sul fiume, risuonerà dalle Night Towers di Piazza Vittorio, vibrerà nella Mole e nei cortili dei palazzi, e riscalderà i teatri nuovi e storici e i tanti locali del Fringe, con Berlino città nella città. Torino Jazz Festival è un’occasione unica in Europa per scoprire musica mai udita prima, che mescola i generi con danza, arte, cinema, libri, fino alla celebrazione del 2 giugno in jazz, tra voci, canzoni e il ballo dei Blues Brothers. Mai come quest’anno solo a Torino.

Il Torino Jazz Festival 2015 è pensato come un’occasione per trasformare, riplasmare e far risuonare in modo diverso i luoghi della città attraverso la musica e il pubblico che vibra e si muove con essa. Si comincia il 28 maggio (dalle 18.00 alla 02.00) con un evento destinato a rimanere unico nel suo genere, il Sonic Genome di Anthony Braxton e i suoi 70 musicisti, che per otto ore dialogheranno con l’arte antica, la storia e i visitatori dell’Egizio (ingresso consentito previo l’acquisto del biglietto Open Ticket per l’accesso al Museo, in vendita esclusivamente giovedì 28 maggio alla biglietteria – intero euro 13,00).

I concerti gratuiti nella cornice di piazza San Carlo, cuore pulsante del TJF, vedranno esibirsi: Hugh Masekela Sextet (venerdì 29 maggio, ore 21) con le suetravolgenti danze sudafricane;Fabrizio Bosso e Randy Brecker (sabato 30 maggio, ore 21) inuna battaglia virtuosistica tra trombe – Con la proiezione sul grande schermo del film “Il sorpasso”;Shibusa Shirazu (domenica 31 maggio, ore 21),in esclusiva europeai giapponesitrasformeranno la piazza in fantasmagorica scena di musica, danze, pitture, teatro, draghi volanti;le ondate afrocubane ed elettroniche di Omar Sosa Quarteto Afrocubano (lunedì 1 giugno, ore 21).Il 2 giugno la Festa della Repubblica è in jazz con le magie vocali di John De Leo e le canzoni suadenti di Nicky Nicolai e Stefano Di Battista, l’energia funk/rock del Trio Bobo, fino al gran finale tutto da ballare degli Original Blues Brothers Band.

Sono diverse le proposte musicali a pagamento del tardo pomeriggio (a 10 euro). Si passerà da James Newton (30 maggio), che nell’Auditorium Rai unirà musica classica europea e tradizione neroamericana a Ron Carter (31 maggio) che ricondurrà il Teatro Colosseo al più intimo e raffinato dei salotti. All’Auditorium Rai Danilo Rea (29 maggio) si esibirà in Plays Billy Strayhorn, mentre al Teatro Carignano la musica del sassofonista e compositore David Murray con la Lydian Sound Orchestra (1 giugno) incorporerà in un sound unico tutta la tradizione del jazz, dagli albori di New Orleans al free jazz degli Anni ’70.

FRINGE

Anche quest’anno il TJF FRINGE, curato da Furio Di Castri,animerà il centro di Torino con le 90 performance di oltre 200 musicisti e artisti in 16 location (in piazza Vittorio Veneto e dintorni). Dal 29 maggio all’1 giugno, il TJF Fringe proporrà un cocktail musicale a base di ensemble originali, artisti e musicisti eterogenei, performance sul fiume del tradizionale Music on the River e note dall’alto delle Night Towers, insieme a occasioni per ballare e provare nuovi passi con esperti ballerini al Fringe Dance e momenti di degustazione e divulgazione enogastronomica, rigorosamente a suon di musica, nella rinnovata area del Cooking&Relaxing. Si esibiranno al Fringe, il pianista serbo Bojan Z, il sassofonista inglese Andy Sheppard, gli italiani Francesco Bearzatti e Gavino Murgia, il Trio Bobo di Faso e Meyer con Alessio Menconi, Nils Wogram, Giovanni Falzone, Bebo Ferra, musicisti torinesi affermati e giovani talenti insieme a realtà internazionali quali l’X Jazz Festival di Berlino, il festival L’échangeur de sons di Chambery e l’Haute Ecole de Musique di Losanna.

Il Festival non si ferma qui: a corollario dei concerti si terranno presentazioni di libri e conferenze al Circolo dei lettori, una rassegna cinematografica in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema l’arte giovane del progetto Ars Captiva e le jam session del Jazz Club Torino e molto altro ancora.

La comunicazione e la creatività del Torino Jazz Festival è stata affidata anche quest’anno al LABORATORIO ZANZARA. Un’occasione per dimostrare come una realtà sociale può essere parte attiva della vita culturale della città, dove la diversità è patrimonio comune e restituisce ricchezza in termini d’integrazione sociale e culturale, per un rinnovato senso di cittadinanza.

25 APRILE

Il Torino Jazz Festival collaborerà, per il secondo anno, con il Museo Diffuso della Resistenza, l’Istoreto e l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza in occasione della Festa della Liberazione. Nel 2014 le letture e il concerto del 25 aprile hanno visto la presenza di almeno 2500 partecipanti. Il jazz della Liberazione,questo il titolo della giornata, ricorda il 70° con un programma che vedrà per l’intera giornata del 25 aprile il susseguirsi di attività musicali e letture significative in alcuni “luoghi simbolo della memoria”, dislocati in spazi cittadini densi di significati storici.

In particolare a simboleggiare la “festa” del 25 aprile ci saranno le brevi esibizioni dell’Orchestra dixieland viaggiante a bordo di mezzi militari d’epoca. A chiudere la giornata sarà il concerto pomeridiano che si svolgerà, sotto il porticato dei Palazzo di San Celso (Museo Diffuso della Resistenza, corso Valdocco 4/a), legandosi alle attività previste dagli Istituti ospiti. Le attività musicali, le letture e le realizzazione tecnica della giornata sono curate dalla Associazione Ar.Co.Te.

30 APRILE

Per la Giornata Internazionale Unesco del Jazz, giovedì 30 aprile si terranno due concerti: alle ore 21 la Cascina Roccafranca (via Rubino 45), ospita l’Hope Jazz Day una serata di solidarietà nei confronti di una scuola palestinese, la Hope School di Beit Jala (Cisgiordania), particolarmente attenta all’educazione di ragazzi e ragazze provenienti da famiglie bisognose, in un territorio complessivamente segnato dal “disagio” dell’occupazione. L’iniziativa nasce sulla scorta di un tour che ha portato a marzo 2015 il quartetto Ingenui Perversi a suonare in Palestina.

Oltre al quartetto sono previsti gli interventi di altri protagonisti della scena musicale: il direttore delTJF Stefano Zenni, il video-racconto di Moni Ovadia e le immagini della Hope School registrate durante il tour. Alle ore 22 il Capolinea 8 (via Maddalene 42) ospiterà Jazz al Capolinea: un quintetto di jazz italiano con due musicisti di spessore internazionale come Felice Reggio e Gianni Cazzola (lo ricordiamo alla prima edizione del TJF con Franco Cerri nel supergruppo Buena Vista Italian Jazz) per una sezione ritmica di grande drive, ulteriormente arricchita dalla chitarra di Max Gallo., il leader del gruppo. Il concerto si svolge in un luogo “storico” per tutti gli appassionati torinesi e non. Nato dalla trasformazione di un vecchio bar-vineria, il Capolinea 8 diventa negli anni ‘80 il caposaldo del jazz cittadino e vi si esibiscono artisti italiani e stranieri di fama mondiale: Chet Baker, Roy Haynes, Enrico Rava, Franco Cerri, Furio Di Castri, Felice Reggio per citarne alcuni.

TJF: INCONTRI SPECIALI PER PROGETTI SPECIALI

Gli appuntamenti speciali del TJF saranno accompagnati da incontri aperti a ingresso libero con gli autori.

Il maestro dell’avanguardia Anthony Braxton, che in prima europea guida il Sonic Genome, racconterà la genesi e il significato del concerto all’Egizio in un incontro aperto nella sala dello Statuario del Museo, lunedì 25 maggio alle ore 18.00. Il 29 maggio alle ore 16.00 al Circolo dei lettori sarà possibile incontrare il compositore James Newton che, dialogando con il Direttore Artistico del TJF Stefano Zenni,

condurrà il pubblico all’interno del processo creativo e spirituale che permea la sua grandiosa Passione Secondo Matteo, un’inedita fusione tra classica e jazz, eseguita in prima assoluta al TJF.

Il Festival celebra il centenario della nascita di Billy Strayhorn, considerato il braccio destro di Duke Ellington, ma ormai definitivamente consacrato nel pantheon dei compositori jazz di tutti i tempi. Danilo Rea, impegnato a fornirci la sua versione di Strayhorn, racconterà se stesso e questo lavoro all’Hotel NH Collection in piazza Carlina, venerdì 29 maggio alle ore 12.00, in compagnia di un altro importante pianista, resident del Fringe, Bojan Z. Lunedì 1 giugno alle ore 11.30 nella sala Tre del Cinema Massimo verrà presentato il film ‘Enrico Rava: note necessarie’ alla presenza dello stesso musicista e della regista.

JAZZ CLUB TORINO – DOWNTOWN JAZZ

Ogni giorno, dal 29 maggio fino al 1 giugno alle ore 19.30 ed eccezionalmente a partire dalla mezzanotte del 2 giugno – al termine de Il Jazz della Repubblica – al Jazz Club Torino (Piazzale Valdo Fusi) si avvicenderanno importanti musicisti del jazz mainstream. Quest’anno in programma il meglio dell’hard bop contemporaneo con un omaggio a uno dei suoi grandi maestri: Art Blakey. Due solisti eccezionali, i trombettisti Terell Stafford e Valery Ponomarev saranno affiancati dalla Torino Jazz Orchestra che comparirà nei vari spettacoli sia nella versione Big Band di 16 elementi, sia con formazioni diverse. Gli eventi sono tutti ad ingresso libero, organizzati dal Jazz Club Torino in collaborazione con il TJF.

TJF ARTE

ARS CAPTIVA 2015La Metamorfosi dei luoghi’ (21 maggio-4 giugno): gli studenti dell’Accademia Albertina, dell’Istituto Steiner, dei Licei Classici e dei Licei Artistici di Torino e provincia, riflettendo sui processi di metamorfosi dei luoghi che accomunano le città di Torino e Berlino, presenteranno opere pittoriche e fotografiche, installazioni interattive, performance e concerti jazz nell’ideale ambientazione dell’ex Manifattura Tabacchi.

‘Arte alle Corti’: l’articolata mostra di installazioni e sculture messe in scena nelle corti di importanti palazzi storici di Torino, creerà uno spettacolare e sorprendente dialogo tra la vitalità dell’arte attuale e l’affascinante bellezza dell’architettura storica torinese. Gli stessi spazi durante i giorni del TJF diventeranno sedi di performance live. Ispirati dalle opere e dal fascino delle corti, quattro brevi esibizioni, di circa venti minuti, offriranno un “commento sonoro” in assonanza o in contrapposizione a ogni singolo spazio. (29 maggio: cortile di Palazzo Birago, via Carlo Alberto 16, Marcella Carboni, arpa; 30 maggio: cortile di Palazzo Cisterna, via Maria Vittoria 12, Alessandra Bossa, elettronica, Martin Mayes, corno, oggetti sonori, a cura di GreenBrötz Turin; 31 maggio: cortile di Palazzo Carignano, piazza Carignano – JST Saxophone Quartet, a cura della Jazz School Torino; 1 giugno: cortile Nh Torino piazza Carlina, piazza Carlo Emanuele II 15, Biagio Orlandi, sax soprano e tenore Martin Mayes, corno, corno delle Alpi, conchiglia, a cura di GreenBrötz Turin).

In concomitanza con il Torino Jazz Festival, la Piazza dei Mestieri ospiterà la rassegna fotografica di scatti inediti del giornalista e fotografo torinese Gian Carlo Roncaglia Nero su bianco. Storie di jazz tra parole e immagini – 40 scatti di Gian Carlo Roncaglia

In mostra la collezione degli scatti di alcuni tra i più grandi musicisti della storia del jazz fissati dal fotografo durante un concerto o un momento di pausa delle loro tournée in Italia.

TJF CINEMA

Anche in questa edizione il TJF, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema, rende omaggio al cinema. A Shirley Clarke il Festival dedicherà un breve omaggio con tre film: il suo esordio nel lungometraggio The Connection (1960), il manifesto del New American Cinema, The Cool World (1963), l’incursione in profondità nel ghetto nero di Harlem e Ornette, made in America (1985), documentario attorno al grande concerto del jazzista Ornette Coleman a Fort Worth in Texas. La rassegna proseguirà nel segno della sperimentazione e della libertà espressiva, con Chappaqua (1966), psichedelico viaggio nelle allucinazioni, diretto e interpretato da Conrad Rooks (in cui compaiono anche William S. Burroughs, Ravi Shankar, Allen Ginsberg, Paula Prichett, e Ornette Coleman) e A Charlie Parker (1970) diretto da Leo de Berardinis e Perla Peragallo, capolavoro di destrutturazione del senso, con immagini “dal vero” che si intersecano nello svelamento di un cinema il cui senso nasce quasi esclusivamente dal montaggio. Quest’ultimo film si inserisce nel quadro del progetto Torino incontra Berlino. Durante l’Anteprima, il 27 maggio, al Cinema Massimo saranno proiettati 4 corti d’autore per la rassegna CORTI’N JAZZ: una ricognizione sul jazz, raccontato, con stili e generi diversi, in quattro film dal 1951 a oggi.

CIRCOLO DEI LETTORI

Il Circolo dei lettori offrirà uno spazio di musica, presentazioni, discussioni nel corso del TJF. Come in ogni edizione vi sarà un appuntamento per i bambini: lo spettacolo Jazz Cartoons, sul jazz e i cartoni animati, realizzato in collaborazione con Moncalieri Jazz. Al Circolo sarà possibile incontrare il compositore James Newton che, con ascolti e proiezioni, condurrà il pubblico nel processo creativo e spirituale della sua grandiosa Passione Secondo Matteo, che verrà eseguita in prima assoluta al TJF. Due le presentazioni di libri in anteprima: Perle di jazz di Marcello Piras, ristampa delle sue famose guide all’ascolto, e Musica dal profondo di Victor Grauer, un importante studio sulle origini africane della musica destinato a sollevare un ampio dibattito.

Il Circolo ospita anche due appuntamenti e due brunch musicali curati dal Consorzio Piemonte Jazz sabato 30 e domenica 31 maggio. Infine Riccardo Bertoncelli ripercorrerà in una conferenza l’impatto del film Blues Brothers e della sua musica, in vista del concerto della Original Blues Brothers Band a conclusione del TJF.

TJF EDUCATION

WORKSHOP JUILLIARD SCHOOL CON IL CONSERVATORIO DI TORINO

Per il quarto anno di seguito il TJF avrà una sezione EDUCATION. Dal 28 maggio al 1 giugno, nei locali del centro di Produzione Rai, si svolgerà un workshop giornaliero tenuto da uno staff della Juilliard School of Music di New York con l’organizzazione del Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. Lo staff è capitanato dal giovane ed eccellente trombonista JAMES BURTON III e coinvolgerà, oltre a due laureati, tre giovanissimi studenti di livello molto avanzato della scuola americana. Il 2 giugno, sul palco di piazza San Carlo una selezione di studenti si esibirà insieme al Juilliard Jazz Ensemble.

SITO DEL FESTIVAL: www.torinojazzfestival.it

Annunci

Archiviato in:Un po' di tutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Primo e-commerce in Italia dedicato alla tecnologia Near Field Communication

BRASILIAN JIUJITSU Reportage

RSS Beni Culturali-News

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
Comunicati-stampa.net

Seguimi su Twitter

Articoli da: TTecnologico

Specialità e autonomia della Sardegna, martedì al senato presentazione di una ricerca sulle preferenze dei Sardi

Sarà presentato alla presenza degli autori martedì 12 dicembre alle 15, nella Sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama a Roma, sede del Senato della Repubblica, il volume “La specialità sarda alla prova della crisi economica globale” scritto da Gianmario Demuro, docente di Diritto costituzionale, Giovanni Coinu, ricercatore di Diritto costituzionale e Francesco Mola, docente […]

Pet per diagnosi precoce Alzheimer

Grazie ai passi avanti compiuti nelle analisi effettuate tramite questa metodica da un gruppo di ricerca del quale fanno parte anche ricercatori dell’Istc e dell’Ibfm del Cnr, diventa più chiara e precisa l’identificazione dei soggetti con deficit cognitivo che evolverà nella malattia. Tramite un software l’encefalo viene suddiviso in sezioni e ‘regioni’ di cui si […]

On line il nuovo Almanacco della Scienza Cnr sugli eventi del 2017

Nel Focus del webzine dell’Ufficio Stampa del Cnr on line da oggi si parla, con l’aiuto dei ricercatori, di alcuni dei principali eventi che hanno contraddistinto l’anno che si sta chiudendo Abbiamo voluto dedicare il Focus monografico di questo Almanacco della Scienza di dicembre ai fatti principali del 2017 per cercare di comprendere meglio, con […]

Cultura, Grazia Deledda a 90 anni dalla consegna del premio nobel: mercoledì 13 dicembre un convegno internazionale organizzato dall’Università di Cagliari

Mercoledì 13 dicembre, a partire dalle 9 nell’Aula magna del Palazzo del Rettorato, in occasione della ricorrenza del novantesimo anniversario dalla consegna del Premio Nobel a Grazia Deledda, il Rettore dell’Università di Cagliari Maria Del Zompo ha organizzato una mattinata di studio tutta al femminile sulla grande scrittrice sarda, tuttora l’unica donna italiana ad aver […]

Expert System supporta con Cogito la GDPR compliance. La nuova Regolamentazione Generale sulla Protezione dei Dati

La tecnologia Cogito semplifica la Cognitive Automation in ambito compliance, analizzando automaticamente il contenuto dei testi e identificando i dati personali Conto alla rovescia per il 25 maggio 2018: a partire da questa data, tutte le organizzazioni all’interno dell’UE dovranno rispettare la nuova Regolamentazione Generale sulla Protezione dei Dati (EU-GDPR, General Data Protection Regulation) e garantire […]

TIM Digital Store: il cloud marketplace con le più avanzate soluzioni ICT per le piccole e medie imprese

Il processo di trasformazione digitale del mondo imprenditoriale pone le piccole e medie imprese di fronte a una sfida non sempre facile da raccogliere. Il rischio di rimanere indietro o peggio ancora tagliate fuori dal processo di crescita globale è dietro l’angolo. L’importanza di sviluppare una cultura d’impresa basata sulle competenze ICT e pronta a […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: